© Tutti I diritti riservati.


Bolzano, un patto di qualità con i MMG

A Bolzano, il 29 maggio è stato firmato il patto per la qualità dell’assistenza primaria della medicina generale. L’assessore provinciale alla sanità ed alle politiche sociali, Martha Stocker, ne ha illustrato gli aspetti più qualificanti unitamente al direttore di Dipartimento, Michael Mayr, che ha guidato la delegazione provinciale nel corso della trattative, nonchè ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali Domenico Bossio (Fimmg, Gianni Pontarelli (Smi) e Nicola Paoli (Intesa sindacale). Assente per ragioni di salute Susanna Hofmann (Snami). La Giunta provinciale mette a disposizione del patto per la qualità 8,9 milioni di euro l’anno, in linea con le indicazioni del Piano sanitario provinciale che identifica uno dei propri pilastri nei medici di medicina generale e nel sostegno del rapporto tra medico e paziente. Al patto per la qualità si aggiungerà nei prossimi mesi uno specifico sostegno rivolto ai giovani medici per il quale è prevista un un’apposita misura legislativa.
“Con il patto per la qualità – ha sottolineato l’assessora Martha Stocker – abbiamo realizzato i presupposti per un’assistenza sanitaria di base unificata e di alto livello per tutta la popolazione. Al centro delle nostre trattative vi era il benessere dei pazienti e la qualità della loro assistenza sul territorio”. Il patto prevede varie misure: il rafforzamento dell‘assistenza primaria, soprattutto per le persone affette da malattie croniche, tramite l’introduzione di percorsi diagnostici, terapeutici, assistenziali e obiettivi assistenziali e gestionali condivisi; una maggiore integrazione e collaborazione dei medici di base tramite una rete di assistenza territoriale che ha per protagonisti proprio i medici di famiglia, i quali dovranno assicurare, tra l’altro, una maggiore reperibilità; un’assistenza più appropriata della popolazione tramite un rapporto equilibrato tra assistenza ospedaliera e territoriale. La maggior parte dei fondi previsti dal patto è rappresentata dai 3,8 milioni destinati alla creazione di una rete tra i medici di medicina generale. Grazie alla creazione di un rapporto più equilibrato tra l’assistenza ospedaliera e quella sul territorio sarà inoltre possibile, secondo l’assessora Stocker, “alleggerire i reparti di pronto soccorso di parte del loro carico di lavoro”. Il patto prevede anche il sostegno ai giovani medici per quanto riguarda il pagamento dell’affitto dell’ambulatorio: in particolare per coloro che hanno meno di 500 assistiti è previsto un contributo di 1.200 euro al mese per un periodo massimo di tre anni, per chi ha tra 500 e 1000 assistiti  tale importo sarà di 800 euro, sempre per un massimo di tre anni. Sono previsti infine contributi per il pagamento dei collaboratori e del personale infermieristico che opera presso l’ambulatorio.
M.D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter


Contatti


Esecutivo Regionale SNAMI

Presidente

Dott. De Gregorio Giuseppe

Vice Presidente

Dott. Perrella Antonietta Anna

Segretario Organizzativo

Dott. Federico Di Renzo

Tesoriere

Dott. Ruo Michele

Addetto Stampa

Dott. De Socio Antonia

© Tutti i diritti riservati. Realizzato da Unopuntozero.

Torna Sopra