© Tutti I diritti riservati.


Modificato il14/04/2014

Locali fatiscenti e turni stressanti: risarciti i sanitari

97
97

97Alcuni medici di Continuità Assistenziale hanno chiesto alla ASReM il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali (stress, danno biologico, danno morale) causati da condizioni di lavoro stressanti, per avere la Regione fissato un rapporto medico/paziente diverso da quello previsto nell’A.C.N., e dalla inidoneità igienica e strutturale dei locali nei quali prestano servizio. 

 

 

Profili giuridici: Il Giudice, dopo aver valutato le prove prodotte dai sanitari, pur ritenendo non individuati e documentati i danni materiali, ha riconosciuto comunque il diritto al risarcimento di quelli non patrimoniali. Le condizioni igieniche di lavoro e quelle di gestione del servizio, consistenti nell’impossibilità (per il numero di medici in servizio) di gestire il forte afflusso di pazienti in condizioni di normalità, unitamente all’esposizione a continue aggressioni e lamentele dell’utenza, non sono consone alla dignità dei ricorrenti e sono lesive del loro stato di salute psico-fisico. Pertanto, sussiste indubbiamente la lesione del loro diritto ad operare e lavorare in condizioni dignitose ed efficienti (anche in considerazione della delicatezza delle funzioni svolte) e le responsabilità delle parti convenute in giudizio (come dimostrano le numerose denunce, richieste ed istanze) che non si sono attivate in alcun modo per migliorare le condizioni di operatività del servizio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter


Contatti


Esecutivo Regionale SNAMI

Presidente

Dott. De Gregorio Giuseppe

Vice Presidente

Dott. Perrella Antonietta Anna

Segretario Organizzativo

Dott. Federico Di Renzo

Tesoriere

Dott. Ruo Michele

Addetto Stampa

Dott. De Socio Antonia

© Tutti i diritti riservati. Realizzato da Unopuntozero.

Torna Sopra