© Tutti I diritti riservati.


Modificato il13/07/2013

Perché i pensionati dovranno pagare il 6,25 per cento sui redditi libero-professionali

 | 

pensionatoDa quest’anno anche i medici pensionati devono dichiarare i redditi libero-professionali al proprio ente previdenziale. Quest’obbligo non è stato voluto dall’Enpam ma è stato imposto da una legge dello Stato (Art. 18, comma 11, D.L. n.98/2011).

 

 

 

Lo stesso provvedimento legislativo ha stabilito che chi è in pensione deve pagare i contributi con un’aliquota pari ad almeno la metà della misura ordinaria. Nel caso dell’Enpam il contributo ordinario è del 12,5 per cento.

 

Per questa ragione i medici e gli odontoiatri ultra-65enni, sui redditi prodotti nel 2012, pagheranno il 6,25 per cento. Per chi era abituato a pagare il 2 per cento si tratta di un aumento. Nella realtà si tratta di un trattamento più favorevole rispetto ad altre categorie. Infatti i pensionati non iscritti a una Cassa professionale come l’Enpam si ritrovano a dover versare un’aliquota ben più alta (sui redditi 2012 il contributo dovuto alla Gestione separata dell’Inps è il 18 per cento).

Inoltre i contributi versati non andranno persi. Ogni tre anni, infatti, l’Enpam ricalcola le pensioni e le aumenta in base ai nuovi versamenti fatti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter


Contatti


Esecutivo Regionale SNAMI

Presidente

Dott. De Gregorio Giuseppe

Vice Presidente

Dott. Perrella Antonietta Anna

Segretario Organizzativo

Dott. Federico Di Renzo

Tesoriere

Dott. Ruo Michele

Addetto Stampa

Dott. De Socio Antonia

© Tutti i diritti riservati. Realizzato da Unopuntozero.

Torna Sopra