Sanità regionale: Il Presidente del nostro Ordine scrive al Ministro Giulia Grillo

0
126

Alla Cortese Attenzione del Ministro della Salute On.Giulia Grillo

                                                Lungotevere Ripa 1 –00153 ROMA

 

Onorevole Ministro, Gentile Dottoressa,

Le scrivo, in qualità di Presidente OMCeO della Provincia di Campobasso e anche di collega, per sollecitare un Suo tempestivo intervento nella spinosa vicenda della Sanità molisana, non ancora riorganizzata dopo lunghi anni di commissariamento, di per sé rivelatori dell’inefficace intervento delle passate Strutture Commissariali.

Stiamo vivendo in Molise un momento di grande preoccupazione per la mancanza del Commissario ad Acta, che perdura ormai da molti mesi, determinando non solo un incerto scenario per tutti gli operatori, per i cittadini e gli Ordini professionali, ma lo stallo nell’indispensabile opera di risanamento del sistema sanitario regionale, dopo i numerosi, spesso indiscriminati, tagli operati sui servizi ospedalieri e territoriali.

I cittadini molisani, i medici e gli operatori sanitari di questa regione vivono sulla loro pelle una condizione discriminante, che non meritano. Non sto qui a elencarle, Onorevole Ministro, tutte le storture del Piano di rientro, le inefficienze, le carenze, la mancanza di personale, più volte segnalate dall’OMCeO di Campobasso non solo alle Istituzioni regionali, ma anche ai Ministeri competenti, perché Le sono state rappresentate più volte e da più parti in questi mesi. La vorrei informare, però, che il “caso Molise” fu oggetto di attenzioni anche da parte del Comitato Centrale della FNOMCeO, che ravvisava pericolose criticità nel modello proposto al Tavolo Tecnico interministeriale:  la Presidente Roberta Chersevani scrisse al Ministro Lorenzin una lettera aperta, ancora di grande attualità.

In mancanza di interventi correttivi, ora le diseguaglianze sociali sono al massimo grado, non potendo tutti i cittadini migrare fuori regione per prestazioni che a buon diritto dovrebbero ottenere sul loro territorio; per di più, le Reti tempo-dipendenti, in particolare quella per lo stroke, mostrano tuttora gravi lacune nei percorsi assistenziali in emergenza.

Com’è noto, gli OMCeO sono chiamati a contribuire al governo dei processi in evoluzione in Sanità; credo, quindi, che, per dovere istituzionale, l’Ordine debba far sentire la sua voce alta, chiara e libera, soprattutto in periodi così difficili e delicati quale quello che stiamo vivendo a livello locale.

Confidiamo in un Suo rapido riscontro, pronti a collaborare in ogni circostanza con il nostro futuro interlocutore, per la Salute del SSR molisano.

Con ossequio

Dott.ssa Carolina De Vincenzo

Presidente OMCeO della Provincia di Campobasso

Nota dell’OMCeO 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here